LEZIONI DI CITTADINANZA ATTIVA ANCHE NELLA DIDATTICA A DISTANZA

In occasione della ricorrenza del 23 maggio tutti gli alunni dell’Istituto Armaforte hanno svolto attività sull’argomento con l’ausilio dei docenti e attraverso attività realizzate on line.

Il giorno 21 maggio gli studenti delle classi terze della Scuola Secondaria di I grado hanno incontrato in videoconferenza Giuseppe Lo Bianco, scrittore e giornalista giudiziario autore di molti saggi sul fenomeno mafioso, per conversare sul tema del ruolo del giornalismo nella narrazione degli eventi di cronaca.

L’incontro è stato aperto dal Dirigente Scolastico Prof. Giuseppe Russo e dalla Vicepreside Valentina Randazzo.

In particolare si è affrontato l’argomento delle stragi mafiose del 1992 e si è parlato degli aspetti innovativi del lavoro svolto dai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nelle indagini sugli affari illeciti della mafia.

I ragazzi sono intervenuti con domande pertinenti e il confronto è stato molto utile per chiarire alcuni aspetti di un argomento molto vasto e complesso come quello trattato e del quale avevano già discusso con i propri docenti in vista del dibattito.

Gli alunni delle classi seconde A, B, C, guidati dalle insegnanti di lettere e di tecnologia, hanno realizzato dei “cartelloni digitali” col programma Thinglink, con animazioni, disegni, poesie e pensieri sulla legalità.

In tutte le classi virtuali della piattaforma WeSchool della Scuola Secondaria di I grado è stata predisposta una board dal titolo “23 maggio” contenente un Power Point condiviso nel quale ciascun alunno ha inserito il proprio contributo grafico o scritto.

Gli studenti delle classi quarte e quinte della Scuola Primaria hanno svolto diverse attività sviluppando un percorso sulla legalità intesa come rispetto delle regole e delle libertà dell’altro.

Hanno realizzato elaborati grafici in cui dimostrano la fiducia nelle proprie capacità di diventare “costruttori di giustizia, libertà, tolleranza, solidarietà e rispetto”: vari disegni, un cartellone con immagini e pensieri prodotti dai bambini, dedicati ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, testi poetici sottoforma di calligrammi ed un’attività svolta con modalità Clil dedicata all’ evento “MAY 23, day of legality”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.