Alla ricerca della memoria

Il racconto della storia di Giovanni Falcone, a distanza di più di vent’anni dal suo assassinio, spiegato agli alunni delle classi quinte A, B, C, D con l’ausilio di un gioco basato su attenzione, ascolto, memoria, orientamento ed impegno. Un itinerario che gli alunni hanno scoperto con spirito critico e che hanno percorso sulle proprie gambe attraverso gli indizi di una caccia al tesoro. Dal luogo della strage, oggi “Giardino della Memoria”, al punto in cui fu azionata la detonazione ed in cui oggi giganteggia la scritta “NO MAFIA”. Dopo l’impegno della ricerca e la fatica per un cammino che si inerpicava fino alla meta, c’è stata una ricompensa per tutti: una medaglia  con la scritta “NO MAFIA” che ogni bambino ha portato a casa in ricordo della giornata, ma soprattutto un bagaglio di consapevolezza e riflessione che in futuro potrà aiutarli a scegliere la strada giusta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.