Libera Terra: un viaggio nei luoghi liberati dalle mafie

Vivere concretamente ciò che si legge sui libri e si commenta a scuola è stata una magnifica esperienza. Visitare e conoscere la storia dei beni confiscati alla mafia e come sono stati recuperati da Libera Terra è stato molto emozionante. Ammirare la bellezza delle vigne, visitare la cantina Centopassi, il Memoriale di Portella della Ginestra e, infine, gustare i cibi dell’azienda agrituristica “Terre di Corleone” è stato un felice connubio di legalità e ambiente. Grazie a Caterina Pellingra, mediatore culturale, e a Salvatore Gibino, responsabile della cooperativa  Libera Terra, che con il loro entusiasmo ci hanno coinvolti in questa magnifica esperienza e ci hanno insegnato che la nostra Terra può cambiare iniziando dalle piccole cose.

Gli alunni delle classi terze dell’I.C.S. Emanuele Armaforte di Altofonte

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *