PROGETTO LINK TO SCHOOL –  Gemellaggio tra gli studenti dell’Armaforte e le scuole del Kenya

Un gemellaggio con le scuole del Kenya per discutere di Convenzione ONU sui Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e di  diritti universali dei bambini. E’ quanto hanno fatto, nella seconda metà dell’anno scolastico, le classi quarte C-D della scuola primaria e le classi prime B-C della scuola secondaria di I grado con l’adesione a  LINK TO SCHOOL,  un progetto proposto  da Amref, una delle massime organizzazioni governative internazionali che offre supporto alle popolazioni delle aree più isolate dell’Africa Sub-sahariana (Kenya, Uganda, Tanzania, Sudafrica…) attraverso interventi di promozione della salute, condizione necessaria per la sopravvivenza  e per una vita dignitosa. Il tema centrale di quest’anno, infatti, il DIRITTO ALLA SALUTE  E ALLA PARTECIPAZIONE.

Link to school

Anche se a distanza, gli studenti dei due Paesi , Italia e Kenya, guidati da due nuovi amici virtuali, Lisa e Nathaniel, hanno affrontato  le medesime  tematiche  Convenzione Internazionale ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, bisogni e diritti universali  dei bambini e dei ragazzi, Diritto alla Salute e al benessere,  servizi del territorio.

Molteplici  i prodotti  realizzati dai nostri studenti e inviati ai coetanei del Kenya  , disegni, cartelloni, presentazioni, video, mappe del territorio, rappresentazioni ideali della scuola e di Altofonte, tante letterine; altrettanti i lavori realizzati dai coetanei  kenioti e restituiti da AMREF a fine  maggio ai nostri alunni.  

La partecipazione al progetto ha favorito  il  confronto positivo tra gli studenti di Paesi diversi, lo scambio reciproco di esperienze, vissuti, idee, la realizzazione di un percorso che ha visto gli studenti al centro dell’azione educativa, protagonisti della loro crescita, futuri cittadini capaci di promuovere salute e benessere sul proprio territorio, ma soprattutto ha stimolato gli studenti ad operare confronti, a riflettere su analogie e differenze tra i due Paesi, giungendo alla conclusione che, a prescindere dal posto in cui  si vive, dalle caratteristiche fisiche, dalle differenze culturali, religiose, sociali, tutti i bambini e i ragazzi del Mondo hanno i medesimi diritti , diritti fondamentali che ogni governo deve assicurare con ogni mezzo per evitare che diventino diritti negati, fonti di disuguaglianze e discriminazioni.
Link elaborati Scuola Secondaria di I°grado

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.