PROGETTO IN RETE “A SCUOLA DI SALUTE AIRC” – PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE

“La prevenzione è la nostra arma migliore per vincere il cancro ed è a nostra portata ogni giorno”

L’Istituto Armaforte ha aderito, per il triennio 21/24, alla rete “A scuola di salute AIRC”, nata dalla volontà di AIRC, delegazione di Palermo, di stare a fianco delle scuole nel momento difficile della pandemia da Covid 19 e di aiutare le studentesse e gli studenti a “imparare” quanto sia facile fare prevenzione e mantenersi in salute adottando comportamenti e stili di vita corretti.

Ben 37 le scuole di Palermo e provincia che hanno aderito alla Rete; il Liceo Galileo Galilei e l’IC Marconi di Palermo scuole polo di coordinamento, le prime ad aver sposato con entusiasmo la proposta di AIRC.  Diversi gli scopi della Rete:
– promuovere nei giovani corretti stili di vita per la prevenzione (sui temi di nutrizione, movimento, vaccinazioni, alcol e fumo, esposizione al sole);
– diffondere i temi legati alla ricerca sul cancro, alla prevenzione e alla cittadinanza attiva a sostegno della ricerca;
– aiutare la ricerca sul cancro con raccolte di fondi.

L’Istituto Armaforte ha partecipato attivamente alle proposte della Rete: tutti gli alunni e il personale scolastico hanno aderito in modo massiccio alla campagna di raccolta fondi “L’uovo della ricerca” a favore della ricerca sul cancro, mentre in tante classi, soprattutto della scuola secondaria, sono state affrontate alcune tematiche tra quelle suggerite da AIRC, attingendo alla grande quantità di materiale presente nel sito omonimo dell’associazione (materiale didattico, schede, giochi, webinar, video e presentazioni).

Gli alunni della classe 2E, dopo aver affrontato in classe il tema del “Tabagismo” insieme alla docente di scienze A. Alotta, hanno realizzato dei cartelloni e una presentazione in cui hanno illustrato le problematiche legate alla dipendenza da fumo con particolare riferimento alla differenza tra fumo attivo e passivo e agli effetti del fumo sulla salute dell’uomo; non sono mancati i riferimenti alla storia e alla diffusione di questa pratica nel mondo.

Gli studenti della classe 2D, con il progetto “Su con la schiena”, privilegiando il lavoro di gruppo e il Cooperative Learning e guidati dalle docenti D’Elia e Serio, hanno affrontato il tema delle cattive posture e dei problemi della colonna vertebrale. Prezioso l’intervento del posturologo, prof. Lo Curcio, che, intervistato dagli studenti, ha fornito approfondite delucidazioni sulle cattive posture e sulle posture da evitare in classe, sull’importanza dello screening e della diagnosi tempestiva, sui contributi della ginnastica nella cura delle patologie della colonna vertebrale. Anche in questo caso prodotti cartelloni, presentazioni, video.

Su con la schiena!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.