Riflessioni sulla mafia col giornalista Dario Cirrincione

PROGETTO CITTADINANZA ATTIVA

In vista del ventinovesimo anniversario della strage di Capaci e nell’ambito delle attività previste nel progetto di Cittadinanza Attiva, gli alunni delle classi seconde della Scuola Secondaria di I grado venerdì 21 maggio scorso hanno incontrato in videoconferenza il giornalista Dario Cirrincione, autore del libro “Figli dei boss – Vite in cerca di verità e riscatto”.

La lettura e l’analisi di alcuni brani del libro, fatta in classe con i propri docenti, sono state lo stimolo per alcune riflessioni sulla mafia partendo da un diverso punto di vista: il giornalista, infatti, cambia prospettiva e osserva il fenomeno mafioso dalla parte dei figli dei boss, vittime anch’esse di un sistema dal quale è molto difficile e doloroso prendere le distanze e affrancarsi. Storie di vite “in cerca di verità e riscatto” che non sempre riescono a conquistare.

Un incontro appassionante e interessante al quale hanno preso parte i ragazzi con molte riflessioni personali e domande originali, un dibattito che partendo dal tema specifico, si è ampliato fino ad analizzare il concetto del pregiudizio per arrivare a quello di libertà. Libertà intesa come capacità critica che porti a scelte personali e indipendenti da condizionamenti.
Da queste considerazioni è stato per tutti evidente il ruolo fondamentale della scuola come luogo di formazione che, con le armi della cultura, possa portare alla completa realizzazione di ciascun individuo in libertà e autonomia secondo i valori morali e i principi della nostra Costituzione.

Un ringraziamento a tutti i docenti che hanno contribuito al successo dell’iniziativa e, in particolare, alla professoressa Daniela Balsano che ha proposto la realizzazione di questo incontro e al giornalista Dario Cirrincione per esser riuscito ad affrontare un tema così complesso con chiarezza e con grande sensibilità.

La docente referente
Margherita Lo Iacono

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.